COLLANINE D’ AMBRA: UN AIUTO O QUALCOSA DI DANNOSO?

COLLANA AMBRACollanine o braccialetti d’ ambra spopolano tra le mamme social, ma fanno davvero bene?

Negli ultimi anni sui social è sempre più frequente vedere foto di neonati agghindati con collanine o braccialetti d’ ambra.

Questa moda si è diffusa perché molti produttori di questi monili li hanno pubblicizzati elogiando l’ambra per delle fantomatiche proprietà terapeutiche. Nello specifico, si è diffusa la credenza che l’ambra abbia poteri analgesici contro i fastidi dovuti alla dentizione.

Ma questa è solo una leggenda metropolitana.

E’ opportuno innanzitutto spiegare che non esiste alcuno studio scientifico che dimostri queste proprietà dell’ambra. Alcuni siti dichiarano che l’ambra sia così efficace perché contiene al suo interno un acido (l’acido succinico) che sarebbe in grado di alleviare i fastidi dovuti alla comparsa dei primi dentini.

In primo luogo bisogna specificare che non è vero che l’acido succinico ha queste capacità analgesiche.

In secondo luogo vi chiedo: anche se le avesse, come potrebbe un fossile che per migliaia di anni si è conservato intatto in mezzo alla terra, rilasciare parte dei suoi componenti interni solo al contatto con la pelle?  E’ facile intuire quanto questo sia assurdo.

Ma attenzione: oltre che inutili, la collanina o il braccialetto possono addirittura essere dannosi.

Immaginate che il filo che tiene unite le perline si strappi: cosa potrebbe succedere se anche solo una perlina venisse inavvertitamente inghiottita dal neonato? Inoltre, non credete sia il caso di evitare che la collana si possa impigliare da qualche parte, magari mentre vostro figlio gattona o si rotola?

COLLANA AMBRA

La maggior parte delle collanine d’ambra è così: realizzata con piccoli pezzetti potenzialmente dannosi.

Esistono in commercio dei giocattolo creati appositamente per la fase della dentizione, che possono essere morsi e possono così generare sollievo. Io ne avevo uno che oltretutto si metteva in frigo, sfruttando così il potere analgesico del freddo. Oppure… avete mai provato le scorze di parmigiano reggiano? Mio figlio ne andava matto!

Marta Milone

 

 

 

Rispondi