BeggBags è un progetto MADE IN ITALY innovativo che nasce dall’idea di creare un mirato brand per borse, realizzate con un tessuto perfetto per lo sport e per il tempo libero, in grado di donare una buona traspiranza e comodità.

Marco Junod, Giovanna Amadini, Stefano Fontanelle e Enrica Meinardi“..quattro sono gli ideatori della BeggBags come quattro sono i colori principali disponibili per i singoli modelli: magenta, arancione, azzurro e giallo.

Cosa rende unico questo prodotto?
Le BeggBags sono costituite da un fantastico materiale noto come softshell. Esso isola il tessuto proteggendolo da qualsiasi capo ed indumento da post allenamento garantendo un’ottima traspirabilità.

Leggere, pratichemorbide ed idrorepellenti le BeggBags sono utili per lo sport ma anche per affrontare gli impegni settimanali dividendosi tra il lavoro e un caffè. Sono molto elastiche ed affini al corpo e grazie alla loro presa imbottita risultano davvero comode.

 

Si tratta senza dubbio di un accessorio a cui non possiamo resistere!

 

Le BeggBags esistono in molteplici modelli, ognuno ideale per uno stile di vita diverso e possono essere personalizzate grazie alla loro vasta scelta di colori e trame.

 

SHOPPER

Ladychick

Ladychick: Classica e tangibile
€ 75,00

ZAINI

Begget

Begget: Per chi non si ferma mai
€52,00

BORSE A TRACOLLA

Youngchick

Youngchick: Versatile e animata può essere portata a tracolla o come zainetto
€48,00

Misschick

Misschick: Compatta e spaziosa
€42,00

Cockerel

Cockerel: Comoda e ideale per una lunga giornata di lavoro
€55,00

Nest

Nest: Distinta ma disinvolta
€38,00

BORSE SPORTIVE

Hen

Hen: Perfetta per il fitness
€65,00

Gymbag

Gymbag: Dinamica e compatta
€55,00

Rooster

Rooster: Grande, è ideale per qualsiasi sport
€79,00

 


Io sono un tipo sportivo per cui ho optato per la Hen BeggBags rigorosamente gialla. La adoro! È il top per andare in palestra e mi fa sentire sempre fiera di sfoggiarla e a quanto pare anche Samu. È capiente ma non ingombrante ed è morbidissima. Non la toglierei mai!

E voi invece quale scegliereste?

 

Federica Ferrali

Rispondi