Ricette

Riso venere allo zenzero, mazzancolle e zucchine

Riso venereChicchi di riso simili a pepite nere in un piatto in cui affondare le zanne! Se poi vi piace il tandem mazzancolle e zucchine siate certi che sarà un gran mangiare! Ecco la soluzione giusta per una cena con amici, da soli o a lume di candela. Facile, veloce e sofisticata dall’aroma speziato e invadente. Per le donne in regime di dieta potrete approfittare di questa ricetta perché la preparazione prevede l’uso di pochissimo sale, grazie alla presenza dello zenzero. Ma non solo….

Lo sapevate che il riso Venere contiene una quantità di sali minerali, come selenio, manganese, zinco e ferro, superiore rispetto al riso bianco e non contiene glutine? Ha inoltre un elevato contenuto di antociani, antiossidanti utili a contrastare l’invecchiamento e a innalzare le difese immunitarie.  Ha il 10% di proteine (quasi il 2% in più del riso bianco) ed  è ricco di vitamine idrosolubili, tra cui la vitamina B1, B2 e PP. Per 100 gr. di prodotto infine il valore energetico è di circa 377 Kcal. Cosa aspettate a introdurlo nella vostra dieta?

Tempo di preparazione: 20 minuti.

Ingredienti: 120 gr. di riso venere, 2 zucchine, 250 gr. di mazzancolle tropicali, un cucchiaino da the di zenzero in polvere, una sgranata di pepe nero, olio q.b., sale q.b. solo per la bollitura del riso.

Procedimento: mettete a bollire in poca acqua salata il riso venere per almeno 16-18 minuti a seconda di come vi piace, ma tenete la cottura al dente. Nel frattempo mettete a cuocere in una pentola antiaderente le mazzancolle (anche surgelate) con poco olio e.v.o per qualche minuto. Lavate e grattugiate le zucchine e unitele al tegame dove si stanno cuocendo le mazzancolle. Lasciate la fiamma bassa in modo che il tutto resti umido. Non appena il riso vi sembrerà cotto scolatelo senza sciacquarlo e aggiungetelo al condimento. Spolverate con lo zenzero, aggiungete una grattugiata di pepe nero e amalgamate, sempre lasciando sul fuoco a fiamma bassa. Sublime sarà l’odore che evaporerà e non vi resterà che assaggiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *