Ricette

Caponata siciliana

La caponata siciliana è un piatto perfetto da fare in questo periodo perché – pur necessitando di un po’ di tempo per la preparazione – è buonissimo da mangiare freddo e si può conservare in frigo fino a tre-quattro giorni grazie all’aceto che fa da conservante.

È un ottimo contorno ma si può utilizzare anche per condire una bella pasta, assomigliando un po’ al sugo alla norma.

È molto simile alla ratatouille francese, dalla quale però si differenzia leggermente perché in quest’ultima mancano aceto e capperi, quindi non ha il sapore agrodolce che caratterizza la caponata.

Si può preparare sia al forno sia in padella, ma visto il caldo di questi giorni oggi prepariamo la seconda versione.

 

Ingredienti 

  • Una melanzana
  • Un peperone
  • Due pomodori
  • Quattro zucchine
  • Una cipolla
  • Una manciata di capperi
  • Mezzo bicchiere di aceto
  • Un pizzico di sale
  • Olio extravergine

 

Procedimento 

Per prima cosa taglia a fettine le melanzane e disponile su un tagliere con qualche granino di sale grosso sopra, in modo che perdano l’acqua di vegetazione. Dovranno stare lì un’oretta circa. Passato questo tempo sciacquale bene per togliere il sale e tagliale a cubetti.

caponata

Pulisci il peperone togliendo la parte centrale con i semi e i filamenti bianchi e taglia a pezzetti anche lui.

Taglia a rondelle le zucchine, affetta la cipolla e fai a pezzetti i pomodori.

Mi raccomando tieni tutte le verdure separate, perché avendo tempi di cottura diversi andranno messi in padella in momenti differenti.

caponata

Versa un filo di olio nella padella e metti a rosolare le melanzane, quando saranno dorate aggiungi la cipolla a fette e il peperone: fai cuocere mescolando per una ventina di minuti, e poi aggiungi le zucchine. Lascia cuocere ancora cinque-dieci minuti, sempre mescolando, e per ultimi i pomodori, che cuociono in un attimo.

caponata

A questo punto aggiungi i capperi e l’aceto e lascia cuocere a fuoco basso e con il coperchio socchiuso (puoi lasciare il manico di un cucchiaio di legno tra padella e coperchio) ancora una decina di minuti. Mescola ogni tanto controllando che le verdure non si attacchino al fondo della padella, eventualmente puoi aggiungere un po’ di acqua.

Spegni e lascia raffreddare prima di servire.

caponata

Come si vede dalle foto, in questo caso sono finiti in padella anche i fiori delle zucchine, perché quando sono belli così è un peccato non usarli.

Si possono anche fare variazioni e usare altre verdure, ad esempio mi è capitato di avere del sedano e delle carote, perché magari qualche giorno prima avevo preparato il ragù o qualcosa per cui serviva fare una base per il soffritto, e ho già preparato la caponata anche con quelle. Ovviamente però avendo una consistenza parecchio dura vanno messe a cuocere per prime.

 

 

Sara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *