Mamma&Bambino

La valigia per l’ospedale: come preparerò la mia

valigia per l’ospedale
Olivia mi da una mano nella preparazione della valigia per l’ospedale

Articoli riguardanti la valigia per l’ospedale da preparare per il parto ne ho letti a centinaia, eppure ogni volta che mi capita qualcosa sull’argomento un’occhiata la do, che non si sa mai!

 

In genere sul sito internet dell’ospedale che si è scelto per partorire si trova l’elenco di quella che viene definita “la valigia per l’ospedale” , ovvero il corredo di cose necessarie sia per la mamma sia per il bebè. Poi un po’ di differenza ovviamente da un’ospedale all’altro c’è però bene o male le cose sono sempre quelle.

Anche nei negozi di articoli per bambini ci sono sempre delle belle liste riguardanti il corredo nascita, ma secondo me in questo caso sono estremamente gonfiate per convincere a comprare il più possibile (che poi chi ha bisogno di essere convinta?! Io lo faccio benissimo anche da sola😅)

 

Io sono veramente pessima quando si tratta di fare le valige, mi porterei dietro la casa anche se andiamo via solo per un week end. Non ti dico quando devo preparare le valigie per il mare (abbiamo un appartamento in riviera ligure e stiamo un mese abbondante d’estate): prendo le pile di cose piegate dai cassetti esattamente come sono e le infilo in valigia così. Ovviamente poi uso un decimo di quello che mi sono portata!

Quando si è trattato di preparare la valigia per l’ospedale per il mio primo parto, quando aspettavo Olivia, nonostante sia stata abbastanza attenta mi sono comunque portata dietro uno sproposito di roba. Altro che valigia, avevo un trolley, un borsone e il beauty. [Per dire, tra le cose assolutamente inutili mi ero portata il tappetino per la doccia da mettere in bagno! Solo io!] Tutto sommato comunque mi era servito avere un po’ più cose, Olivia non si decideva a nascere quindi ero rimasta ricoverata un po’ più dei classici tre giorni, perché prima che nascesse con un cesareo d’urgenza ne avevo fatti due di induzione.

 

Per questo secondo parto, che essendo a distanza molto ravvicinata dal primo (passano solo 20 mesi) sarà un altro cesareo, questa volta però programmato, vorrei cercare di avere davvero solo una valigia e portare solo cose utili.

 

Ecco quello che porterò per me:

  • due magliette da allattamento + pantaloncini corti (odio i pigiami quindi figuriamoci le camicie da notte, non sono malata quindi non ho intenzione di girare vestita come se lo fossi, e per di più nemmeno a casa mia!)
  • due reggiseni da allattamento
  • un golf leggero aperto
  • infradito
  • la genialata assoluta consigliatami da un’altra mamma l’anno scorso su un forum, ovvero i tena pants al posto delle scomodissime mutandine di rete+maxi assorbenti. Mi sono vergognata un sacco ad andare a comprarli ma sono stati una scoperta strepitosa!
  • tutto panno carta al posto degli asciugamani (anche questo consigliatomi sempre sul forum di cui sopra). Tra l’altro è comodo anche poi a casa, almeno non ti ritrovi quintalate di asciugamani da lavare.
  • spazzolino e dentifricio
  • acqua micellare e crema idratante per il viso
  • detergente intimo a base di clorexidina

 

 

valigia per l’ospedale
La valigia per l’ospedale: cosa porterò per Lorenzo

 

E questo per Lorenzo:

  • tre cambi tutina/bodino a manica lunga, calzine in tre bustine separate
  • un asciugamano di spugna
  • una mussola di cotone
  • un cappellino di cotone
  • salviette umidificate e pannolini

Questa volta dovrei riuscire a far stare tutto dentro al trolley, o almeno lo spero!

 

 

 

 

Sara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *