Mamma&Bambino

Su Italo con bebè

unnamed-1Muoversi con un bimbo piccolo, a volte, puó sembrare un’impresa, ma con un po’ di organizzazione e senza dover portarsi dietro tutta casa…si puó perfino prendere il treno e andare a Roma!

Spesso per lavoro mi muovo da Milano a Roma, operazione interrotta con la nascita del mio piccolino. Due mesi fa, avendo la necessità di raggiungere la capitale ed essendo impossibilitata a lasciarlo solo con papá (dove viviamo non abbiamo alcun parente), ho preso un treno Italo e in due giorni ho concluso la mia missione.

I treni Italo, da quando sono apparsi nel panorama dei trasporti nazionali, sono i miei preferiti e li trovo puliti e confortevoli. I bambini fino a 4 anni viaggiano gratuitamente e il bagno più spazioso, a metà carrozza, ospita un comodo fasciatoio.italo

Noi abbiamo preso l’alta velocità, che in 2 ore e 55 (anche meno) ci ha portati da Milano Rogoredo (dove ci aveva accompagnati papà) a Roma Termini, dove ci aspettava la mia migliore amica per occuparsi di Davide quando sarei stata impegnata.

Durante il viaggio, Davide è stato buono, incuriosito da tutto ciò che vedeva e sentiva, ha sonnecchiato un po’, sgranocchiato qualcosa e visto qualche episodio di ‘Peppa Pig’ sul tablet che il suo papà ci aveva messo ‘fortunatamente’ nella borsa per il cambio! (L’app per mettere i video su Ipad mini è xvideo)

Unica pecca, adesso il personale è più ridotto rispetto sgli esordi, per cui, per salire e scendere dal treno, ci siamo fatti dare una mano. Prima invece c’erano delle hostess e degli steward sui binari, in numero a volte eccessivo.

Inoltre vi ricordo che spesso sul sito Italo.it trovate vantaggiose offerte per gli spostamenti in famiglia. Cosa aspettate?

ps: arrivati a Roma c’era sciopero dei mezzi, ma questa è un’altra storia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *