Libri & Cinema

La nascita di un figlio

Quando aspettavo il mio primo figlio ho frequentato un corso di “accompagnamento alla nascita” presso l’ospedale dove poi ho partorito. La meravigliosa ostetrica Nicoletta (la stessa che poi ha fatto nascere il mio Elia) a fine corso ci ha regalato questa poesia, queste bellissime parole che racchiudono il significato del parto, che sia naturale o cesareo… la dedico a tutte le future mamme e a chi mamma già lo è, e ci è quindi già passata…

“Se avete davvero capito cos’è il lasciarsi andare, l’abbandono,

se tutto il vostro corpo è aperto, libero, disteso

e particolarmente la bocca, la gola, le mani, gli occhi,

allora non dovete fare proprio niente.

Se non lasciar fare, lasciar nascere il bambino.

Basta non fare più opposizione, non spaventarsi, né irritarsi della forza, della frenesia che il bambino mette a voler nascere.

Infine, supremo sacrificio, abnegazione totale, bisogna dire dentro di sé:

Si, lasciami.
La vita, la tua vita è là, davanti a te.

Prendila.”

– Frederick Leboyer-

Rispondi